martedì 27 febbraio 2018

Banana-chocolate chip wacky cake per il Club del 27

In memoria di Barbara Pivetta, una amica del Club che ci ha lasciato improvvisamente.

Il 27 arriva a chiudere questo mese di febbraio portando quel freddo che per tutto l'inverno ci aveva graziato. E al freddo si reagisce con cibi che scaldano fin nelle ossa, con lunghe cotture che profumano la casa, che rendono allegre anche le giornate tristi e grigie, soprattutto  quando porti la pentola fumante  in tavola.  Il Club del 27 questo mese ci regala una raccolta a tema, appunto le  ricette da servire in pentola.





Ma avreste mai pensato di cucinare una torta direttamente in una pentola di pesante ghisa? Un modo comodo  quando vi prende un desiderio di qualcosa di  dolce ma non avete voglia di mettervi a spignattare, imburrare, infarinare.  Guardate come si fa:


Banana-Chocolate chip wacky cake


Una casseruola Le Creuzet o simile  da  20/22 cm.


1  tazza e mezza  di farina
3/4 di tazza di zucchero di canna
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/4 di cucchiaino di sale fino
6 cucchiai da tavola di burro
2/3  di tazza   polpa di banane mature schiacciate (circa 2 medie)
1/4 di tazza di latte
1 cucchiaio di aceto
1/2 tazza di cioccolato a pezzetti
1/3 di tazza di noci miste o noci pecan spezzettate


Scaldate il forno a 180°.

In una ciotola mescolate la farina con lo zucchero, il bicarbonato e il sale.
Ora mettete la casseruola  su fuoco dolce e fateci fondere dentro il burro. Una volta fuso, toglietela dal fuoco. Schiacciate le banane con una forchetta, versatene la dose nella casseruola, aggiungete il latte e il cucchiaio d'aceto e mescolate, poi unite anche la farina e con la frusta mescolate tutto perchè diventi un composto abbastanza omogeneo. Date una mescolata accurata ai bordi della casseruola con una spatola di silicone in modo che siano il più puliti possibile.


Cospargete la superficie con le noci pecan spezzettate e il cioccolato a pezzetti.
Cuocete in forno per circa 30/35 minuti. Ma dipende dal forno, in ogni caso vale sempre la prova stecchino, se esce ancora umido o sporco di impasto, continuate la cottura fino a quando lo stecchino uscirà perfettamente pulito. 
Una volta sfornata si sgonfierà leggermente, è normale. Lasciate raffreddare completamente, e non preoccupatevi se non è scenografica, le mie foto poi, fatte la sera e col flash non rendono affatto, ma vi garantisco che è buonissima, umida e fondente, profumatissima e,  se volete, potete servirla accompagnandola con un buon gelato alla vaniglia.






Comodo, veloce e soprattutto,  golosa..











20 commenti:

  1. L'ho fatta anch'io! Ma quant'è buona!

    RispondiElimina
  2. si sente il profumo fin qui, dev'essere speciale

    RispondiElimina
  3. Che forte questa torta che si impasta tutta direttamente nella teglia di cottura e deve essere molto golosa!! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. La prossima torta che faccio... non ho la teglia giusta, ma qualcosa mi invento ;-)

    RispondiElimina
  5. Adoro questo tipo di torte e meno sono lavorate, meglio riescono! secondo me ci starebbero bene anche delle spezie, che dici? da provare! bacioni Giuli!

    RispondiElimina
  6. L'avete fatta in tante e sembra buonissima e visto che le banane mi piacciono proverò a farla anch'io. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Giuly sei stata grande ci sei riuscita nonostante tutto..
    Baci

    RispondiElimina
  8. ha davvero un aspetto delizioso, che voglia di provarci!

    RispondiElimina
  9. Ma... nel frattempo che decido di rifarla, se passo una fetta me la fai assaggiare? :)

    RispondiElimina
  10. Mi sta venendo voglia di torta banane e cioccolato :)
    Deve essere squisita.

    RispondiElimina
  11. Ma che delizia è questa torta !!!!! Ottima scelta

    RispondiElimina
  12. Questa torta questo mese è andata per la maggiore, e più ne vedo foto e ne leggo ricette, più si rafforza in me il desiderio di farla...aspetterò che le banane che ho a casa raggiungano la giusta maturazione :) Bravissima!!

    RispondiElimina
  13. Provo, provo, il tuo giudizio positivo è una garanzia!

    RispondiElimina
  14. E' veramente molto invitante, e poi, si sporca davvero poco!!

    RispondiElimina
  15. Che bello da parte tua realizzare questa ricetta all'ultimo momento per esprimere la tua vicinanza al Club e a Barbara. Davvero un bel gesto

    RispondiElimina
  16. Giuliana a volte anche un semplice gesto come cucinare può rappresentare un abbraccio e un ricordo in memoria di chi non c'è più. E' bello che tu ce l'abbia fatta alla fine. La torta è sicuramente da provare.

    RispondiElimina
  17. Anche se nè tu nè io ci tiriamo indietro, quando si tratta di passare ore in ccuina, è piacevole, ogni tanto, avere qualcosa di veloce, ma goloso da preparare

    RispondiElimina
  18. In effetti questa è proprio comodissima, visto che si fa in un unico recipiente. Bravissima

    RispondiElimina
  19. È una torta lussuriosa anche se rustica...

    RispondiElimina
  20. Che meraviglia questo libro davvero e tu hai scelto una maniera molto convincente per dirlo!!Questa torta sarà mia :)

    RispondiElimina