sabato 2 agosto 2014

Façon Michalak

ho recentemente comprato un paio di libri di Christophe Michalak,  giovane  pasticcere francese. Uno è il classico volume corredato di belle fotografie,  l'altro è un minuscolo libercolo ricco semplicemente di ricette scritte. "Les desserts qui me font craquer" il suo titolo.
Leggo le note che aprono uno dei libri, e mi rendo  conto che potrebbe essere mio figlio, infatti è nato lo stesso anno di mia figlia Serena....vabbè, non divaghiamo...
Sfogliando le ricette del libercolo la mia attenzione è stata fatalmente attratta da uno dei dolci più classici della cucina francese che io amo particolarmente. La crème caramel. 
E che cosa ci sarà mai  di particolare in questo dolce, penserete...
C'è il modo di preparala. 
Lui scrive che questa ricetta la deve al suo amico di sempre Jean-François Piège,  a suo dire genio della cucina francese, che ha saputo interpretare con successo questo incredibile dessert. 
A me non importa più di tanto di chi sia,  se sua o di Piège,  mi ha talmente incuriosito che ho voluto subito sperimentare....



Crème caramel e noccioline salate


per 4 persone

per la crème caramel:

330 gr  panna liquida fresca
3 gr Fruttapec 2:1
40 gr zucchero semolato
65 gr tuorli (a me ce ne son voluti 4)
1 bacca di vaniglia
1 cucchiaio abbondante  di Ricard, o Pastis


per il caramello salato:

140 gr zucchero semolato
55 gr panna liquida fresca
35 gr acqua
40 gr burro
2 gr sale



per decorare:

arachidi tostate e salate q.b.



In una casseruola portate a ebollizione la panna insieme alla bacca di vaniglia incisa per il lungo, poi lasciate riposare il tutto per una ventina di minuti, coperto.
Nel frattempo mescolate lo zucchero alla pectina, e dividete le uova raccogliendole in una ciotola.
Filtrate la panna dalla vaniglia e rimettetela sul fuoco, aggiungete lo zucchero addizionato della pectina mescolando energicamente, sul fuoco, con le fruste elettriche.
Spostate dal fuoco la casseruola e aggiungete, sempre frullando, i tuorli preparati.
Lui dice di frullarli fuori dal fuoco, io ho preferito rimettere a fuoco dolce frullando per un altro paio di minuti. A questo punto profumate con il Ricard, o il Pastis e date un'altra mescolata.
Vedrete che il composto sarà denso ma ancora fluido, colatelo nei bicchierini facendolo scendere attraverso un colino.
Mettete i bicchierini a raffreddare in frigorifero  per almeno un'ora e preparate il caramello.
Mescolate panna e acqua, e scaldatele ben bene al microonde.
Mettete lo zucchero in un pentolino su fuoco dolce e lasciatecelo finchè si liquefà e diventa un caramello bruno, poi poco a poco, sempre mescolando con una frusta, e facendo parecchia attenzione, aggiungete il miscuglio caldo di acqua e panna, mescolate e aggiungete il sale e il burro a pezzetti.
Trasferitelo in una ciotola, copritelo con della pellicola messa direttamente a contatto e lasciatelo raffreddare completamente.
Una volta freddo, con un cucchiaio versatelo in un leggero strato sulla superficie della crème caramel che ormai si sarà solidificata, coprite ogni biccherino con della pellicola e fate riposare in frigorifero fino al momento di portare il tavola il dessert.
All'ultimo minuto, cospargete di arachidi tostate e salate leggermente tritate o pestate nel mortaio.



Le dosi sono perfette, sono venuti 4 bicchierini. Questa cosa mi è piaciuta parecchio.
Le quantità previste in ricetta  sono calibrate perfettamente e non bisogna fare calcoli su calcoli per riuscire a ricavare un dolce per una famiglia normale, e non per un reggimento o per un laboratorio di pasticceria.

Il Ricard non si sente per nulla, cosa che temevo dato che non amo il sapore di anice, anzi, esalta il sapore  delle arachidi e aumenta il sentore di vaniglia.

La consistenza era perfetta,  la texture forse un poco meno liscia rispetto alla crème caramel classica, ma è una cosa appena percettibile, per me almeno. Un altro vantaggio è la velocità di preparazione, che consente di risparmiare tempo ed energia, e non é cosa da poco.




Insomma, sono proprio contenta del risultato. 
Provate!!

12 commenti:

  1. complimenti questo dessert è molto invitante,bravissima

    RispondiElimina
  2. Affascinante l'accostamento crème caramel e caramello salato impreziosito da arachidi salate e tostate, per non parlare poi della pensata geniale dell'uso della Pectina.
    Dimmi un po' Giuliana, ma la consitenza di questa prelibatezza, con questa metodica di lavoro, si avvicina di più alla Crema Catalana o è più vellutata?.
    Grazie della condivisione e buon fine settimana.
    Un bacio, Anna

    RispondiElimina
  3. Wow!! Mi piace moltissim questa ricetta. Ma secondo te al posto della pectina si può anche usare la colla di pesce?????

    RispondiElimina
  4. L'aspetto è delizioso e io ne prenderei al volo un bicchierino! Complimenti, baci
    Paola

    RispondiElimina
  5. davvero una bella ricetta Giuliana!! La creme caramel piace sempre a tutti, ma spesso è davvero una noia la cottura, cos invece è molto più semplice ;)

    RispondiElimina
  6. Proverò questa ricetta, la mia che ho imparato a scuola di pasticceria, mi rende un creme caramel soooodoooo! con la tua ricetta scoprirò se dipende da me oppure no!
    Grazie e buon lunedì!

    RispondiElimina
  7. @Angela, non puoi paragonare questa alla tua perchè è completamente diverso il procedimento.
    Quesr non viene soda, è come una crema catalana un po' più cremosa.

    @Ginger, credo di sì, ma la particolarità di questa preparazione è data dalla pectina, che le conferisce una cremosità che la gelatina non le darebbe.


    Grazie a tutti.

    RispondiElimina
  8. @ Anna, sì si avvicina molto alla crema catalana. Un po' più pastosa forse.

    RispondiElimina
  9. come avrei voglia di un bicchierino così, sottomano...ora!
    Sono assolutamente deliziosi!

    RispondiElimina
  10. COMPLIMENTI DAVVERO , E' DI UNA GOLOSITA' UNICA .............UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  11. mi piace la sua facilità e velocità di preparazione, grazie ! Un bacione

    RispondiElimina