lunedì 12 giugno 2017

Giorno di albicocche

reperirne di buone qui, è davvero un pio desiderio. Ma è così per tutta la frutta ormai. Arriva ancora acerba,  staziona sui banchi del supermercato per giorni, e quando la porti a casa e assaggi, ti prende lo sconforto.
Invidio parecchio chi ha la fortuna di avere un fazzoletto di terra dove coltivare qualche albero da frutto!
Però oggi sono stata sorpresa da delle albicocche incredibilmente buone.  Durante una delle estemporanee incursioni all'Alta Sfera, una specie di ingrosso di cui ho la tessera, mi ha attratto il colore rossastro  e  la misura decisamente più grande di alcune albicocche confezionate e tenute separate dal resto della frutta. L'etichetta recita: Albicocche rosse della Piana di Sibari.  E subito  la mente torna a quel mare cristallino, a quelle giornate di sole e alla bellezza quieta di quella  zona che molti anni fa frequentavamo ogni estate. Ovviamente me le sono portate a casa, e ne ho subito addentata una. Fantastica! Succosa e zuccherina, era troppo tempo che non assaggiavo albicocche degne di questo nome,  e quale migliore occasione di dare loro il risalto che meritano proprio  oggi  che ne parliamo sul Calendario del Cibo Italiano?

 

Albicocche  gorgonzola e Passito di Pantelleria

per 6 persone

6 grosse albicocche rosse
100 g  gorgonzola dolce, cremoso
3 cucchiai vino Passito
2 cucchiai panna liquida
poco pepe bianco


Lasciate qualche minuto il gorgonzola fuori dal frigorifero, quindi liberatelo dalla crosta e da eventuale carta.
Mettetelo in una ciotola, aggiungete il vino Passito,  la panna da cucina e una macinata di pepe bianco.
Con le fruste elettriche montate il tutto fino ad avere una crema densa ma fluida, senza grumi.
Trasfertite la crema di gorgonzola in una sac à poche munita di bocchetta spizzata.
Lavate bene le albicocche scegliendo le più sane, tagliatele a metà ed eliminate il nocciolo.
Spremete un ciuffo di crema dentro ogni mezza albicocca ed allineatele man mano su un bel piatto di servizio.
Io le ho volutamente lasciate così, semplici, ma volendo potete colorare con qualche stelo di  erba cipollina.
Si preparano in un attimo e sono perfette per l'aperitivo, un connubio dolce/salato molto stuzzicante e decisamente sorprendente,  l'importante è che le albicocche siano mature al punto giusto, e saporite.



 Provateci!





7 commenti:

  1. Che bellissima presentazione.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. E' vero che avere un fazzoletto di terra sarebbe utile per poter avere frutti e verdure dal sapore autentico ma questa qualità che hai scelto ha tutta l'aria di essere buona, questo è uno degli antipasti che adoro perchè mi piace il contrasto dolce salato, bella scelta. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Senti tutto quello che fa è una doppia botta! Uno perché vorresti solo assaggiarlo; due, perché mi chiedo come fai a serbare una linea elegante con questi menu favolosi, tradizionali e sofisticati nel migliore stile lombardo (e ho detto tutto) ma sempre goduriosamente calorici.

    RispondiElimina
  4. Stuzzicante, un abbinamento che mi piace molto!

    RispondiElimina
  5. ecco, le sto facendo in tutte le salse ma questa proprio mi manca! copio immediatamente prima che spariscano le albicocche!! grazie cara per questa delizia!

    RispondiElimina