lunedì 27 agosto 2012

la mia ricetta di Agosto per Salutiamoci

questa volta l'argomento sono le pesche.
Dunque ecco quello che ho pensato:




Tartare di seppie e pesche profumata allo zenzero


per due persone


3 o 4 seppie medie possibilmente non decongelate
2 pesche gialle mature ma sode
poco prezzemolo
poco basilico
una grattatina di zenzero fresco
sale, pepe bianco
olio buono



per il court bouillon:
1 carota
1 costola di sedano
mezza cipolla bionda
il succo di 1  limone
1 spicchio d'aglio
una foglia di alloro
qualche bacca di pepe
qualche rametto di prezzemolo
sale



preparare il court bouillon facendo cuocere tutte le verdure mondate e lavate. Filtrare e lasciar raffreddare.
Nel frattempo pulire le seppie eliminando filamenti o residui di pelle.  Eliminare i ciuffi dei tentacoli, conservandoli per altre preparazioni.
 Tritare finemente basilico e prezzemolo insieme, mescolarlo con un goccio d'olio, sale e pepe bianco.
Riportare a ebollizione il brodo e farci cuocere le seppie finchè sono morbide. Scolare e lasciar raffreddare, dopodichè ridurle a dadolata tipo tartara e trasferirle in una terrina.
Condirle con l'olio profumato alle erbe, regolare di sale e aggiungere una grattatina di zenzero fresco, deve essere un nulla, un solo sentore al momento dell'assaggio.
Pelare una pesca, ridurla in minuta dadolata e aggiungerla alle seppie. Mescolare bene e lasciar riposare in frigorifero almeno un'ora prima di servire, così la tartare avrà modo di assorbire meglio i profumi e i sapori.
Lavare bene l'altra pesca,  e con l'aiuto di una mandolina affettarla molto sottile con tutta la buccia, ricavandone come dei petali.
Direttamente sul piatto di servizio, fare un piccolo letto di petali di pesca, appoggiarvi sopra un coppapasta a piacere, versare dentro il coppapasta la tartare di pesche e seppia, comprimere leggermente per assestare bene il tutto e con delicatezza sfilare il coppapasta. Decorare con altri petali di pesca e foglie di basilico.










12 commenti:

  1. fantastico, un'idea veramente riuscita.
    Quanta acqua per il court bouillon ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. grazie Fran, per le dosi io vado a occhio, lo faccio in una pentola da 3 o 4 litri, poi un poco si consuma, ma una volta finito il court bouillon dovrà comunque coprire le seppie...

    RispondiElimina
  3. Veramente interessante questa tua ricetta e molto ben presentata, brava!

    RispondiElimina
  4. che meraviglia Giuliana,si presenta divinamente e sul sapore non ho dubbi, come sempre! Un abbraccio !

    RispondiElimina
  5. valvasonerasmo27 agosto 2012 20:55

    Ciao, sei già scappata dal Friuli... ho avuto un po' di impegni ma non si sa mai che riusciamo a salutarci di persona...comunque sempre piatti da far venire l'acquolina solo a leggere e vedere le foto, cari saluti - anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, dovrei tornare a prendere mia mamma verso fine settembre, casomai ti avviso così facciamo in modo di vederci..

      Elimina
  6. Sono andata da Stefano, giorni fa..A parte che ti saluta, mi ha preparato delle seppie tagliate al velo, crude, che erano una vera delizia!E con grande voglia che leggo questa tua ricetta. Un vero invito dato che non ho mai mangiato le pesche abbinate cosi...Me la tentero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quien sabe amica mia....
      buone erano buone, la pesca non era troppo dolce così si è sposata benissimo con la morbidezza delle seppie..

      Elimina
  7. Che ricetta sfiziosa! Non compro mai le seppie, chissa' perche'. Appena torna dalle vacanze il mio pescivendolo ...
    Quanto tempo devono cuocere? immagino pochissimo.
    Grazie, Giuli. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai Eugenia che anch'io le compro raramente? Le sto rivalutando da un poco, da quando Elena di Livorno me le ha fatte assaggiare in cacciucchino... ora ogni tanto riprovo a cucinarle..

      per la cottura il tempo esatto non te lo so dire, le ho cotte a vista finchè erano perfettamente morbide, ci saran voluti 15/20 minuti...certo bisogna curarle perchè se passa la cottura diventano gomma...le ho cotte intere, e inforcato la più grossa di tanto in tanto per controllare. Quando la forchetta entrava come nel burro erano ok.. mi sa che non ti sono stata troppo utile...

      Elimina
  8. Bellissimo blog e soprattutto bellissime ricette. Questa in particolare mi ha colpito, mi piace molto l'abbinamento e conto di provarla al più presto!
    Un abbraccio ed a prestissimo (mi sono unita ai tuoi lettori! ^_^ )

    RispondiElimina